Con Decreto Assessoriale del 28 settembre 2011, pubblicato in G.U.R.S. il 14 ottobre 2011, l’Assessore per l’Economia ha stabilito che “nell’area strategica “servizi di riscossione dei tributi” (art. 20, comma 2, lett. h), della L.R. 12 maggio 2010 n. 11, la Società Serit Sicilia S.p.A., mediante procedura di fusione cosiddetta “inversa”, incorpora la controllante Riscossione Sicilia S.p.A., assumendo al contempo la denominazione di quest’ultima”. Ciò premesso, si informa che con atto di fusione del 18.07.2012 la “SERIT SICILIA S.p.A. – Agente della riscossione per le province siciliane” ha incorporato la “RISCOSSIONE SICILIA S.p.A. – Agente della riscossione per le province siciliane”, e ne ha assunto la denominazione sociale, i cui effetti decorreranno dall’iscrizione dell’atto presso il Registro delle Imprese di Palermo, prevista per il 1° settembre 2012. Il sistema di riscossione delle imposte e tasse a mezzo di esattorie comunali risale al 1° gennaio 1873, anno in cui entro' in vigore la prima legge in materia. 

L'esazione dei tributi era affidata a privati, i quali dovevano anticipare allo Stato gli importi da incassare, sulla base dell'obbligo del "non riscosso per il riscosso", richiedendo poi la restituzione delle somme non incassate dai contribuenti. 

Con la riforma del Sistema, attuata nel 1988 mediante il Decreto del Presidente della Repubblica n. 43/88, la riscossione fu affidata ad Istituti di Credito od a Società aventi particolari requisiti. Proprio nel 1988, Montepaschi SERIT S.p.A. - Azienda controllata dal Gruppo Bancario Monte dei Paschi di Siena - iniziò ad operare nel settore, acquisendo le esattorie comunali di Bari, Catanzaro e Pescara che, nel 1990, furono trasformate in Concessioni a livello provinciale. 

Nel 1991, Montepaschi SERIT S.p.A. subentrò a SO.GE.SI. in qualità di Commissario Governativo per la riscossione dei tributi in Sicilia, espletando tale incarico fino al 30 giugno 1998. 

Con il primo luglio 1998, Montepaschi SERIT S.p.A. fu nominata Concessionario del Servizio di Riscossione dei Tributi in Sicilia. 

Succesivamente, con il D.Lgs.n.37/99, fu stabilito l' abolizione dell'obbligo del "non riscosso per il riscosso" e venne varata la vigente Riforma, che regolamentava la nuova struttura di riscossione dei tributi con l'emanazione dei D.Lgs. n.46/99 e n.112/99. 

In attuazione della riforma nazionale del servizio portata dal D.L. n. 203/05 - convertito nella Legge n. 248/05 - e recepita a livello regionale con la L.R. n. 19/05, a decorrere dal 1° ottobre 2006, la denominazione sociale di Montepaschi SE.RI.T. S.p.A. - Concessionario del Servizio Riscossione Tributi in Sicilia - è variata (giusta la delibera assembleare del 29.09.2006) in “SERIT SICILIA S.p.A. – Agente della riscossione per le nove province siciliane”, partecipata da “Riscossione Sicilia S.p.A.” (in maggioranza) e da Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A.. 

 

Con la fine del 2010, nel rispetto dei tempi stabiliti dal legislatore, si è concluso il lungo percorso di riforma del sistema di riscossione: la Regione Siciliana e l’Agenzia delle Entrate hanno acquisito dalla Banca Monte dei Paschi di Siena il totale delle quote dalla stessa detenute in Riscossione Sicilia S.p.A. e in Serit Sicilia S.p.A.. 

In tal modo, la Serit Sicilia S.p.A., società che gestisce operativamente il servizio di riscossione in tutta l’isola, ha conseguentemente variato la propria compagine sociale e le proprie azioni sociali sono – ora – totalmente possedute da Riscossione Sicilia S.p.A.. 

Per completezza, la struttura societaria di Riscossione Sicilia è così composta: 60% delle azioni di proprietà della Regione Siciliana ed il rimanente 40% di proprietà dell’Agenzia delle Entrate. 

 

Con Decreto Assessoriale del 28 settembre 2011, pubblicato in G.U.R.S. il 14 ottobre 2011, l’Assessore per l’Economia ha stabilito che “nell’area strategica “servizi di riscossione dei tributi” (art. 20, comma 2, lett. h), della L.R. 12 maggio 2010 n. 11, la Società Serit Sicilia S.p.A., mediante procedura di fusione cosiddetta “inversa”, incorpora la controllante Riscossione Sicilia S.p.A., assumendo al contempo la denominazione di quest’ultima”. 

Ciò premesso, con atto di fusione del 18.07.2012 la “SERIT SICILIA S.p.A. – Agente della riscossione per le province siciliane” ha incorporato la “RISCOSSIONE SICILIA S.p.A. – Agente della riscossione per le province siciliane” e ne ha assunto la denominazione sociale con decorrenza 1° settembre 2012, data di iscrizione dell’atto presso il Registro delle Imprese di Palermo. 

La struttura societaria di RISCOSSIONE SICILIA S.p.A. risultava così composta: 90% delle azioni di proprietà della Regione Siciliana ed il rimanente 10% di proprietà di Equitalia S.p.A.. 

Successivamente, con atto di cessione sottoscritto in data 28/02/2013, Equitalia S.p.A. ha ceduto al socio di maggioranza, Regione Siciliana, parte della propria quota azionaria e, pertanto, al momento attuale, la Regione Siciliana detiene il 99,885% delle azioni di RISCOSSIONE SICILIA S.p.A. mentre il restante pacchetto azionario, pari allo 0,115%, è detenuto da Equitalia S.p.A.. 

Contattaci

Per qualsiasi informazione sui nostri servizi vai alla pagina 

Contatti

Orari di apertura sportelli:

 Lun-Gio:   8:20 - 13:00  /  14:45 - 15:45

 Ven:         8:20 - 12:30