DEFINIZIONE AGEVOLATA – Decreto Legge n. 119/2018, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 247 del 23 ottobre 2018, contenente “Disposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria”, successivamente convertito con modificazioni dalla Legge n. 136/2018 e s.m.i.

 

1. NUOVA DICHIARAZIONE DI ADESIONE - MODALITA’ E TERMINI   

 I contribuenti che intendono avvalersi dei benefici della definizione agevolata - cosiddetta “Rottamazione ter” - dei carichi affidati all’Agente della riscossione

  1. dal 1° ottobre al 31 dicembre 2017, pur avendo già presentato, per altri carichi, dichiarazione di adesione ex D.L.193/2016 e/o ex D.L. 148/2017,
  2. dal 1° gennaio 2000 al 30 settembre 2017, non avendo presentato dichiarazione di adesione ex D.L. 193/2016 e/o ex D.L. 148/2017,
  3. dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2016, pur avendo già presentato dichiarazione di adesione ex D.L. 193/2016 ed essendo decaduti dal beneficio (e non avendo aderito alla definizione ex D.L. 148/2017),
  4. dal 1° gennaio 2000 al 30 settembre 2017, pur avendo già presentato dichiarazione di adesione ex D.L. 148/2017 ed essendo decaduti dal beneficio per non aver assolto all’obbligo di pagamento

1. delle rate di maggiore rateazione scadute al 31.12.2016,

2.delle rate in scadenza a luglio, settembre e ottobre 2018 entro il 7 dicembre 2018.

 sono tenuti a presentare, entro il 30 aprile 2019, la dichiarazione di adesione, utilizzando l’apposita modulistica messa a disposizione dall’Agente della riscossione. Gli indirizzi di posta Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. contenuti in ogni istanza presentata da persone fisiche e riportati nella “informativa per l’interessato” ex art. 13 del Regolamento UE 2016/679 devono essere utilizzati con esclusivo riferimento al trattamento dei dati personali che riguardano i soggetti interessati e non per la presentazione delle richieste per le quali occorrerà utilizzare gli indirizzi specificatamente indicati.

I suddetti contribuenti riceveranno dall’Agente della riscossione, entro il 30 giugno 2019, la comunicazione delle somme dovute, unitamente ai bollettini RAV precompilati e dovranno effettuare il pagamento dilazionato fino ad un massimo di:

  • 18 rate consecutive in 5 anni, con le seguenti scadenze: 31 luglio e 30 novembre 2019 (ciascuna di importo pari al 10% delle somme complessivamente dovute) e le restanti il 28 febbraio, il 31 maggio, il 31 luglio e il 30 novembre di ciascun anno a partire dal 2020; in caso di pagamento dilazionato, dal 1° agosto 2019, sarà calcolato un interesse pari al 2% annuo, ciò in riferimento alle sopra citate casistiche a., b., c. e d.1.;
  • 10 rate consecutive in 3 anni, con le seguenti scadenze: 31 luglio e 30 novembre 2019  e le restanti il 28 febbraio, il 31 maggio, il 31 luglio e il 30 novembre per gli anni 2020 e 2021 (ciascuna di pari importo); in caso di pagamento dilazionato, dal 1° agosto  2019, sarà calcolato un interesse pari allo 0,3% annuo, ciò in riferimento all'ultima sopra citata casistica d.2. relativa ai soggetti decaduti dalla rottamazione-bis.

La Legge n. 136/2018 ha previsto un massimo di 5 giorni di ritardo nel pagamento rispetto alla scadenza della rata, senza perdere il beneficio della Definizione agevolata, né incorrere in sanzioni.

 

2. DEFINIZIONE AGEVOLATA EX D.L. 148/2017 IN CORSO - SLITTAMENTO PAGAMENTO E RIMODULAZIONE DELLE RATE

Non saranno tenuti a presentare alcuna dichiarazione di adesione, ma beneficeranno automaticamente della “Rottamazione ter”, i contribuenti che, avendo presentato dichiarazione di adesione alla definizione ex D.L. 148/2017 hanno pagato, entro e non oltre il 7 dicembre 2018:

  • per i carichi del 2017, le rate originariamente in scadenza a luglio, settembre e ottobre 2018,
  • per i carichi 2000/2016, la rata originariamente in scadenza a ottobre 2018. Per ciò che riguarda le restanti due rate in scadenza a novembre 2018 e febbraio 2019, in automatico e senza alcun adempimento per il contribuente, l’Agente della riscossione invia la comunicazione delle somme dovute entro il 30 giugno 2019, dilazionando l’importo in 10 rate consecutive in 5 anni, con scadenze a luglio e novembre a partire da luglio 2019; verrà calcolato un interesse pari allo 0,3% annuo. Resta salva la facoltà per il contribuente, di effettuare il pagamento in unica soluzione entro il 31 luglio 2019.

In entrambe le ipotesi si beneficia di un massimo di ulteriori 5 giorni di ritardo nel pagamento rispetto alla scadenza della rata, come previsto dalla Legge n. 136/2018.

I singoli carichi affidati all’Agente della riscossione dal 2000 al 2010, con debito residuo alla data di entrata in vigore del D.L. 119/2018 (24 ottobre 2018) inferiore ai 1.000 euro (tranne quelli espressamente esclusi dal comma 4 dell’art. 4), sono automaticamente annullati, pertanto, se inseriti in dichiarazione di adesione alla definizione agevolata ex D.L. 148/2017, i relativi pagamenti effettuati dopo il 24 ottobre 2018 sono imputati come acconto al nuovo piano di definizione, ovvero su altro debito non oggetto di definizione, ovvero rimborsati al contribuente.

 

Contattaci

Per qualsiasi informazione sui nostri servizi vai alla pagina 

Contatti

Orari di apertura sportelli:

 Lun-Gio:   8:20 - 13:00  /  14:45 - 15:45

 Ven:         8:20 - 12:30